Dal 27 al 29 settembre la città di Firenze ospita alla Fortezza da Basso Fiera Didacta Italia, la prima edizione italiana di Didacta International, il più importante appuntamento fieristico dedicato alla scuola che si tiene in Germania da 50 anni. Sono 4.000 i docenti iscritti ai 93 workshop in programma, mentre gli espositori nazionali ed esteri sono 150, su un’area di 3.500 mq.
La manifestazione è stata presentata oggi a Roma da Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; Cristina Grieco, Assessore Regione Toscana all’Istruzione; Dario Nardella, Sindaco di Firenze; Giovanni Biondi, Presidente Indire; Leonardo Bassilichi, Presidente Firenze Fiera; Wassilios E. Fthenakis, Presidente Didacta International.
«Per Firenze è un grande onore ospitare Didacta, che per la prima volta esce dalla Germania e sceglie la nostra città. Per tre giorni la Fortezza Da Basso sarà un luogo di dialogo, di confronto e di buone pratiche sul mondo della scuola e dell’innovazione. Abbiamo voluto dedicare Didacta a don Lorenzo Milani, per dare un segnale di attenzione proprio al ruolo educativo e formativo che deve avere la didattica sull’esempio di un grande prete che dell’insegnamento fece la sua missione di vita», ha affermato il Sindaco di Firenze Dario Nardella.
La Fiera nasce con l’obiettivo di innovare la didattica, favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione e creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore. La manifestazione è rivolta in particolare a docenti, dirigenti scolastici, educatori, formatori, oltre che a professionisti e imprenditori del settore scuola e tecnologia.
Per la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, «Dobbiamo essere molto soddisfatti di questa prima edizione di Fiera Didacta Italia. È un’importante sfida. Un segnale dell’apertura del sistema di istruzione e formazione italiano al confronto, che è sia interno sia internazionale. E che ha come obiettivo l’innovazione della filiera italiana del sapere, dell’istruzione e della formazione, come passo necessario per governare i cambiamenti in atto nelle nostre società e come occasione di crescita per le nuove generazioni e per il Paese su percorsi inediti. Firenze ospiterà nei prossimi giorni 150 espositori italiani ed esteri, enti, associazioni, imprese. Saranno circa 4.000 le docenti e i docenti che parteciperanno agli oltre 90 workshop su temi come l’innovazione del modello educativo, la robotica o lo studio di nuovi arredi e tecnologie per i nostri istituti. Si creerà un ambiente stimolante di dialogo e di riflessione, anche grazie all’incontro con le esperienze di successo di Paesi europei che possono offrire spunti per le iniziative di questo genere in Italia».
Fiera Didacta ospita aziende della filiera della scuola e dell’istruzione: dall’editoria alle tecnologie informatiche, dall’arredo alla refezione, e propone workshop su innovazione del modello educativo, robotica, collaborazione con le scuole europee come valore aggiunto per l’innovazione della didattica, e lo studio di nuovi arredi e tecnologie integrate nelle scuole. Ampio spazio è rivolto ai temi riguardanti l’innovazione della didattica con i metodi di promozione di competenze strategiche, il CLIL (Content and Language Integrated Learning) e il TELL (Technology Enhanced Language Learning), Scientix e le tecniche di miglioramento dei processi educativi, come la progettazione didattica per competenze e la didattica laboratoriale. A questi temi si aggiungono quelli dedicati all’approccio musicale, con la partecipazione di personalità di grande livello, come ad esempio Paolo Fresu, chiamato a promuovere l’esperienza musicale precoce nei servizi educativi. Altri workshop riguardano il tema delle architetture e degli arredi per la scuola del futuro e sono dedicati alle aule 3.0, luoghi in cui le nuove tecnologie per l’apprendimento possono essere sperimentate all’interno di allestimenti personalizzati che mettono al centro lo studente e che sono più idonei al modo di apprendere degli studenti del nostro tempo.
«Didacta è il primo evento nazionale dedicato all’innovazione del modello educativo che coniuga uno spazio espositivo molto esteso a un programma scientifico estremamente ricco, pur trattandosi della prima edizione. I 93 workshop, articolati in 6 grandi contenitori che propongono altrettanti punti di vista, ruoteranno intorno a un unico tema, quello della trasformazione del modello educativo nei suoi caratteri fondamentali. Spazi, tempi, strumenti e contenuti del fare scuola saranno al centro del dibattito che si svolgerà nei tre giorni della manifestazione», ha dichiarato il Presidente Indire Giovanni Biondi.
Per i workshop saranno usati i seguenti metodi: debate, con i relatori disposti sul palco l’uno di fronte all’altro che espongono a turno le proprie tesi, le discutono e si confrontano secondo regole ben precise e in presenza di un moderatore che gestisce tempi e flussi della comunicazione; didattica immersiva, in sale con arredi modulari e connettività potenziata, per far vivere un’esperienza innovativa in spazi attrezzati con tecnologie utilizzabili direttamente dai partecipanti; infine i talk, una serie di incontri che prevedono il palco a semicerchio e un grande schermo alle spalle del relatore.
Durante i tre giorni di Didacta, nella Sala Congressi si svolgeranno inoltre convegni nazionali di grande rilievo aperti a tutti su Erasmus+, eTwinning, Avanguardie Educative, Piccole Scuole e Traineeship.
La Fiera si sviluppa anche fuori dalle mura della Fortezza con Didacta Off, il “fuori salone” fatto di seminari, spettacoli teatrali e cinema rivolti principalmente ai giovani.
Fiera Didacta Italia è organizzata da FirenzeFiera in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e con Didacta International, grazie al supporto di Camera di Commercio italiana per la Germania (Itkam) e di Florence Convention & Visitors Bureau. Fiera Didacta Italia è patrocinata dal Miur, dal Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca in Italia, dal Centro Italo-Tedesco Villa Vigoni, da Unioncamere e da Assocamerestero.
L’organizzazione dei workshop è curata dall’Indire che è partner scientifico della manifestazione, mentre l’università telematica IUL è partner tecnico.