22 May 09:00-11:00 Teatrino Lorenese - sala convegni

Leggere e comprendere. Ricordando tullio de mauro

Leggere e comprendere sono aree deboli nel nostro sistema formativo, come si rileva nelle indagini internazionali.
La prima questione da affrontare è relativa alle strategie che possono essere adottate per avviare gli allievi, di tutte le età, a leggere con piacere estetico ed intellettuale ad un tempo.
L’esperienza Leggere: Forte! della Regione Toscana indica la strada della lettura ad alta voce come via privilegiata in questa direzione.
Il leggere e comprendere nasconde altre questioni che vanno indagate.
Tullio De Mauro in Capire le parole (Laterza, 1994) suggerisce l’analogia tra comprendere e scalare una montagna. La visione immaginifica della scalata evidenzia la non linearità della comprensione che procede per gradi, per approssimazioni, talora anche per salti e ritorni indietro, in un processo dinamico che richiede compenetrazioni di informazioni a tutti i livelli.
La scalata rende bene l’idea della fatica di chi si trova davanti a un testo, sia il docente che deve saggiarne i punti di attacco rispetto all’asperità del testo proposto, sia gli allievi che devono cimentarsi con complessità a cui non sono abituati.
A partire dalla suggestione di De Mauro, nel convegno si affronteranno questioni e prospettive dell’insegnare a comprendere legate ai diversi livelli di sviluppo cognitivo degli allievi
L’obiettivo finale è quello di rendere gli allievi a mano a mano autonomi davanti a testi anche disciplinari in modo che, gradualmente, i processi che guidano la lettura diventino automatizzati e si apprendano stabilmente le procedure per affrontare nuove sfide interpretative in un processo che non può mai considerarsi concluso.

Programma del convegno

  • Introduzione: Perché Tullio De Mauro. Dall’alta voce alla paretina (5 min.) (a cura di Silvana Ferreri)
  • Regione Toscana: Leggere: Forte! (20 min.)
  • Silvana Ferreri: Leggere per comprendere (20 min.)
  • Pierre Escudé: Comprendere testi disciplinari (titolo provvisorio) (20 min.)
  • Simone Casini: Dal binario alla paretina: questioni di creatività (20 min.)
  • Silvana Loiero: Strategie didattiche per leggere e comprendere (20 min.)
  • Discussione e Conclusioni (15 min.)

Relatori

  • Silvana Ferreri, Università degli studi della Tuscia Viterbo, Didattica delle lingue moderne
  • Pierre Escudé,Universités à l’Université de Bordeaux / Ecole Supérieure du Professorat et de l’Education (ESPE) d’Aquitaine, Didactique des langues
  • Simone Casini, Associate Professor, Italian Studies / Language Studies, University of Toronto Mississauga
  • Silvana Loiero, Segretaria nazionale del GISCEL (Gruppo di Intervento e Studio nel Campo dell’Educazione Linguistica)