(Articolo a cura delle ricercatrici  Indire Letizia Cinganotto, Elena Mosa, Silvia Panzavolta)

Il debate consiste in un confronto organizzato con tempi e regole precisi nel quale due squadre di studenti difendono opinioni contrapposte su un’affermazione o su un argomento proposti dall’insegnante. Il modello, particolarmente intrigante per docenti e studenti, offre una valida alternativa alla lezione trasmissiva perché, dietro a un’apparente semplicità, nasconde un grande potenziale didattico in grado di promuovere il pensiero critico e una serie di abilità trasversali. Fra queste, le competenze digitali (cercare e selezionare le fonti informative, valutandone l’attendibilità, la pertinenza, la natura), quelle comunicative (saper comunicare in modo chiaro, corretto, non ambiguo, sintetico, sapendo argomentare la propria posizione), metacognitive (saper valutare la propria performance e comprendere come migliorare), sociali e civiche (saper rispettare le regole, attendere il proprio turno, ascoltare l’altro, legittimare punti di vista diversi dal proprio).

Si tratta di una pratica ormai in uso in numerose scuole italiane, grazie anche alla diffusione promossa dalle scuole capofila del movimento Indire delle Avanguardie educative e all’iniziativa Miur delle Olimpiadi nazionali di debate.

 

Nel corso di Fiera Didacta Italia 2019, i docenti avranno la possibilità di partecipare a due seminari sul debate:

▲ Debater in azione con gli studenti delle scuole capofila dell’idea “Debate” di Avanguardie educative
11 ottobre ore 13.45 – 15.45
Durante l’evento i partecipanti assisteranno a due debate con gli studenti: uno in italiano con gli alunni dell’IC Solari di Loreto (AN) e l’altro, in inglese, con gli studenti dell’IIS “Savoia Benincasa” di Ancona. Insieme a loro, gli insegnanti Giulia Monaldi e Michele Gabbanelli e le ricercatrici Indire Elena Mosa, Letizia Cinganotto e Silvia Panzavolta.

 Debate: dalle scuole le migliori esperienze a confronto
11 ottobre ore 16 – 18
Durante il seminario verranno presentate diverse modalità di uso e applicazione della metodologia, osservate nell’ambito delle scuole di Avanguardie educative che hanno aderito a questa idea. La sessione passerà in rassegna esperienze di debate dalla primaria alla scuola secondaria di primo e secondo grado, per declinarle in modalità differenti: dal debate a distanza al debate per potenziare il curricolo di argomentazione, dal modello di debate adottato alle Olimpiadi Nazionali al debate come dibattimento, fino al modello Global Young G7. Intervengono: Cettina Vinciguerra, IC “Foscolo” di Taormina (ME); Giulia Monaldi, IC “Solari” di Loreto (AN); Angela di Bono, IC 10 di Pescara; Nicole Brizi, IIS “Dalla Chiesa” di Montefiascone (VT); Luigi Ciabattini, IIS “Buonarroti Fossombroni” di Arezzo; Vincenza Barlocco, ITE Tosi di Busto Arsizio (VA).

La partecipazione ai seminari è valida ai fini della formazione in servizio.

Oltre a questi due eventi, nella sala “Debate” di Didacta si susseguiranno per tutti e tre i giorni della manifestazione una serie di sessioni dimostrative condotte da studenti e docenti di alcune scuole della rete di Avanguardie educative.

Questi i debate in programma:

 “Dante è più democratico di Petrarca”
9 ottobre ore 14.30 – 16
ITT “Luigi dell’Erba” di Castellana Grotte (BA)

▲”I Paesi sviluppati hanno obblighi maggiori di tutti gli altri nelle politiche di mitigazione del cambiamento climatico”
9 ottobre ore 16.15 – 17.45
Liceo classico “Carducci” di Nola (NA) e IIS “G.A. Pischedda” di Bosa (OR)

▲”La Democrazia è la migliore forma di Stato”
10 ottobre ore 9.30 – 11
ITT “Luigi dell’Erba” di Castellana Grotte (BA)

▲”I Paesi sviluppati hanno obblighi maggiori di tutti gli altri nelle politiche di mitigazione del cambiamento climatico”
10 ottobre ore 11.15 – 12.45
IIS “G.A. Pischedda” di Bosa (OR) e Liceo classico “Carducci” di Nola (NA)

 “La gestione delle risorse idriche deve essere sostenibile e dovrebbe essere affidata solo a enti pubblici”
10 ottobre ore 14.30 – 16
IIS “L. da Vinci” di Villafranca Lunigiana (MS) e Liceo “Bertolucci” di Parma

▲”La gestione delle risorse idriche deve essere sostenibile e dovrebbe essere affidata solo a enti pubblici”
10 ottobre ore 16.15 – 17.45
IIS “L. da Vinci” di Villafranca Lunigiana (MS) e Liceo “Bertolucci” di Parma

▲”L’ingegneria genetica rivolta alla modificazione dell’essere umano dovrebbe essere vietata”
11 ottobre ore 9.30 – 11
ITE “E.Tosi” di Busto Arsizio (VA) e Liceo “Monti” di Cesena

▲”L’ingegneria genetica rivolta alla modificazione dell’essere umano dovrebbe essere vietata”
11 ottobre ore 11.15 – 12.45
ITE “E.Tosi” di Busto Arsizio (VA) e Liceo “Monti” di Cesena