Con elearning, termine inglese che sta per “apprendimento online”, si intende l’uso di internet o delle tecnologie multimediali a scopi educativi. L’elearning può essere una buona risorsa in caso di studenti che si trovino impossibilitati a presenziare alle lezioni. In questo articolo ci soffermeremo tuttavia sulle possibilità di innovazione della lezione frontale offerte dall’elearning.

Tutti i sistemi di elearning prevedono l’utilizzo della connessione in rete per fruire dei contenuti e dei materiali didattici. La tecnologia specifica per questo tipo di attività è detta “piattaforma tecnologica” o LMS (learning management system). Il personal computer, cui si aggiungono eventualmente altre interfacce, è lo strumento privilegiato per intraprendere questo genere di percorso di apprendimento. Sarà ovviamente necessario, proprio per l’alta autonomia e indipendenza concessa allo studente, una continua azione di monitoraggio, cui affiancare momenti di autovalutazione. L’elearning è un approccio didattico che valorizza la multimedialità, ovvero l’interazione fra diversi media ai fini di un apprendimento più efficace; l’interattività con i materiali, che permette di creare percorsi di studio personalizzati; l’interazione umana in un contesto di apprendimento collettivo.

L’elearning è in linea con un modello scolastico impostato sulla formazione continua, non assimilabile alla lezione tradizionale da distribuire senza distinzione a tutti gli alunni. A prevalere sarà invece il learning by doing, ovvero l’apprendimento che coinvolge lo studente e gli permette di assimilare i contenuti attraverso la pratica esperienziale. L’elearning si adatta bene a una programmazione modulare, ovvero l’organizzazione dei contenuti di un corso intorno a una serie di obiettivi.

 

Il blended learning e il web

Nel valutare la sostenibilità dell’elearning è necessario tenere in considerazione molteplici parametri: l’uso del computer o della strumentazione tecnologica non è in sé un fattore che garantisce il successo dell’elearning. Un approccio che usi l’elearning in maniera sostenibile è infatti quello che garantisce un effettivo valore aggiunto alla didattica tradizionale.

Una delle soluzioni giudicate più efficace è quella mista, dove cioè si affianca alla normale lezione frontale l’online training, l’apprendimento svolto autonomamente a casa. Questo approccio misto permette di accorpare i vantaggi di entrambi i metodi, smussandone le debolezze. Infatti il blended learning (termine inglese che descrive e traduce questo processo di apprendimento misto) prevede una cooperazione equilibrata e interrelata tra l’apprendimento in classe e  l’apprendimento online, mediato da pc ma non solo: con l’avvento di smartphone e tablet anche le risorse mobile entrano a far parte della metodologia blended, grazie al loro utilizzo semplice e diretto, ma soprattutto alle loro applicazioni social, di cui parleremo nel prossimo articolo.