A Fiera Didacta, in occasione del workshop “Dialogo euristico. Pensare la didattica attraverso l’ascolto” , previsto per il 19 ottobre, dalle ore 9, Franco Lorenzoni e alcuni componenti del gruppo di sperimentazione della Casa-laboratorio di Cenci proporranno agli insegnanti un laboratorio sul dialogo come elemento di innovazione didattica capace di mettere al centro il pensiero di bambini e ragazzi. Si parlerà di costruzione del contesto e dell’ascolto reciproco tra gli alunni, delle modalità di presenza dell’insegnante nel dialogo, della scoperta attraverso una pluralità di linguaggi, della funzione chiave della documentazione nel processo didattico.

 “Il primo compito di noi insegnanti sta nel riconoscere diritto di piena presenza e cittadinanza a tutte le bambine e bambini, i ragazzi e le ragazze. E il primo modo per dare spazio e consistenza ai loro diversi modi di abitare e vivere la scuola sta nella nostra capacità di ascolto. Ma un ascolto attento e partecipe nasce e vive solo se siamo profondamente convinti che bambine e bambini pensano, creano e operano connessioni, se consideriamo che tutte le loro ipotesi, anche fantastiche, siano strumenti epistemici, modalità per conoscere il mondo. Occorre dunque riconoscere e convincerci che i bambini e i ragazzi non solo hanno desiderio di dire la loro, ma a ogni età ragionano, formulano ipotesi, usano una logica che talvolta può apparire diversa da quella di noi adulti, ma ha sempre al suo interno una coerenza e una profonda tensione conoscitiva che va riconosciuta e di cui vanno ricercati tutti i modi possibili per restituirne il valore”. In queste parole Franco Lorenzoni, maestro di scuola primaria e autore de I bambini pensano grande. Cronaca di una avventura pedagogica (Sellerio, 2016), condensa la premessa pedagogica del dialogo euristico, una tecnica didattica che aiuta l’insegnante a porre in relazione il lavorio mentale di bambini e ragazzi con gli oggetti culturali che sono proposti dall’insegnante o con cui si imbattono nell’esperienza quotidiana. Dal 2017, il dialogo euristico è l’oggetto di una ricerca svolta in collaborazione tra l’Indire e il gruppo di sperimentazione educativa della Casa-laboratorio di Cenci (Amelia, Terni), coordinato da Lorenzoni, e che coinvolge un gruppo docenti della scuola primaria e secondaria di I grado. Tra questi sono presenti insegnanti che operano in pluriclassi della rete Indire delle Piccole Scuole”. Per il maestro Lorenzoni: “Ascoltando nascere giorno dopo giorno parole ed emozioni, ragionamenti, ipotesi e domande che emergono dalle voci delle bambine e dei bambini si ha la sensazione di trovarsi di fronte a scoperte preziose, che ci aiutano ad andare verso la sostanza delle cose e verso l’origine più remota del nostro pensare il mondo. Nei dialoghi degli scolari su argomenti di un programma svolto ponendo questioni e lasciando elaborare soluzioni, intorno a temi che riguardano matematica, scienze, arte e storia, si ha l’impressione di ripercorrere l’evolversi della cultura umana. Si prova la meraviglia del nascere di un pensiero”.

La partecipazione al workshop è valida ai fini della formazione in servizio.

 

Info sull’evento:

Dialogo euristico. Pensare la didattica attraverso l’ascolto
Data: 19/10/2018
Orario: 9 – 11
Sala: L16 – Palazzina Lorenese
Tipologia: immersive
Iscriviti al workshop